Atalanta-Leverkusen, Adani: «Vincerà chi riuscirà ad essere più sé stesso»

Daniele Adani, ex calciatore e uno dei più noti telecronisti ed opinionisti italiani, commenterà per la Rai la finale di Europa League dell'Atalanta contro il Bayer Leverkusen. Per questo, e per la sua ampia conoscenza calcistica, l'Eco di Bergamo ha voluto intervistarlo. Ecco le sue dichiarazioni.

Adani sull'impresa dell'Atalanta

“È la dimostrazione di come si possa fare calcio a alti livelli anche in grandi realtà, unendo successo e capacità di esaltare la passione, arrivando anche in fondo alle competizioni più importanti. Il tutto valorizzando il proprio capitale, settore giovanile compreso.”

Adani sul Bayer Leverkusen

“È poco leggibile, perché varia uomini e la lettura delle situazioni. Anche per questo trovo l’Atalanta, che ha mille varianti, addirittura come la squadra più simile alle Aspirine in Europa. In questo momento non utilizza così spesso addirittura il capocannoniere, Boniface. Rispetto all’anno passato, gli acquisti di uomini come Xhaka e Grimaldo, unito all’accompagnamento di calciatori di prospettiva che già c’erano, hanno portato ai risultati che oggi vediamo. Sembrano anche molto felici di giocare in questo modo…”.

Adani su come sarà Atalanta-Leverkusen

“La prima lettura la voglio dare da un punto di vista scenografico: non vedo l’ora di essere in campo e fare il pre e post-partita. Sarà una di quelle volte in cui il piacere trascinerà il lavoro. Penso che chi riuscirà ad essere più sé stesso, limitando le proprietà dell’avversario, potrà alzare la coppa”.